Elogiare i vantaggi della lentezza. Questo il tema dell’ottava edizione del Broken Stone Festival, rassegna canora ideata dall’associazione Dodekathlos. e che martedì tredici agosto ha riunito centinaia di ragazzi presso la piazza Siani di Contursi Terme. Una città antica che ha fatto della lentezza, intesa come momento di profonda riflessione introspettiva, il proprio punto di forza. Una lentezza da intendersi anche come consapevolezza di voler restare per creare qualcosa nel luogo in cui si è nati, motivo che ha spinto l’associazione a ideare un festival che invogliasse i giovani del posto a creare qualcosa di costruttivo per il proprio territorio. Una lentezza alla base anche della filosofia compositiva di Fede ‘n’ Marlen, ospiti dell’ottava edizione del Broken Stone Festival. Il duo di cantanti napoletane ha affascinato i presenti proponendo le canzoni più celebri del proprio repertorio. In un mix di ricordi e di sperimentazioni, Fede ‘n’ Marlen hanno portato sul palco il loro concetto di lentezza, uno stato d’animo da intendersi come voglia di ascoltare e fare proprio ciò che ci circonda, evitando così di correre in avanti perdendosi quanto di bello la vita ha da offrire. Il Broken Stone Festival si è confermato dunque un momento di condivisione importante sposato anche da Banca Campania Centro, vicina a tutte quelle iniziative pensate per dare nuova linfa a territori ricchi di storia ma spesso soggetti all’impoverimento del proprio capitale umano proprio per colpa di quella frenesia che, contrariamente alla lentezza slogan del festival, sacrifica la bellezza sull’altare del rapido progresso.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO